CIASPOLE & CIASPOLATE

December 5, 2016

Inoltrasi in una pineta che filtra i raggi del sole, proseguire sui soffici pendii imbiancati, sentire il fruscio degli sci sul candido e liscio manto nevoso con i prismi di neve che scintillano di luce dorata, voltarsi e ammirare la traccia disegnata come una pennellata artistica sono sensazioni uniche riservate a chi pratic lo sci-alpinismo.

Ora, con le ciaspole, tutti possono vivere le emozioni di una escursione invernale, ma …

 

COSA SONO LE CIASPOLE?

Attrezzi che aumentando la superficie di appoggio dello scarpone, creano una sorta di galleggiamento sulla neve.

Un tempo erano chiamate racchette da neve ed erano realizzate artigianalmente con legno e corda. Utilizzate sin dall’antichità (addirittura nel 6000 A. C.) da cacciatori, contadini, boscaioli, viaggiatori, esploratori e militari dei popoli delle zone fredde dell’Asia, Canada e America settentrionale. Servivano per potersi muovere in ambienti innevati senza sprofondare. In tempi più recenti, nel 1973 in Val di Non, fu organizzata per richiamo turistico una “ciaspolata”, termine dialettale derivante dalla lingua ladina e da esso nacque la CIASPOLA, nome entrato nel linguaggio comune. (Le industrie del settore out-door, ringraziano!).

 

COME SONO FATTE?

Il mercato offre una vasta gamma di prodotti, differenziati per tipo di attività, materiali e ovviamente costi. Si possono riassumere in 3 tipi:

 

Tipo “fagiolo”, in legno con intreccio in cordura, economiche ma ormai superate.

 

 

 

 

Le “canadesi”, molto grandi, specifiche per neve profonda e fresca.

 

 

Le ciaspole moderne, che si trovano in tutti i negozi di articoli sportivi il cui prezzo può variare dai 70 a oltre i 200 euro possono essere:

 

in alluminio, resistenti anche a temperature decisamente basse. Tuttavia, la loro struttura è poco adatta per l’alta montagna. Sono pensate principalmente per camminare sulle grandi distese pianeggianti.

 

composite adatte per escursioni sulle Alpi, sono progettate per  temperature non eccessivamente fredde. Versatili e garantiscono  un buon grip.

 

 

Caratteristiche basi:

Le ciaspole non hanno un numero specifico come le scarpe, possono quindi adattarsi per diversi numeri di calzatura. Variano in dimensione, da scegliere in base al proprio peso per  garantire il galleggiamento;

L’attacco è regolabile in base alla calzatura ed è mobile, ruotando sul perno anteriore.

Nella parte posteriore è posizionato l’alza tacco che ha la duplice funzione di bloccare l’attacco o, se lasciato libero, la possibilità di alzarne la base di appoggio per facilitare la progressione soprattutto in salita;

 

 

 

Le ciaspole sono dotate di un ramponcino frontale che morde la neve e di punte metalliche poste lateralmente. Alcune sono dotate di coltelli laterali per garantire una maggiore tenuta su traversi scoscesi e neve dura.

 

 

 

 

QUALI CIASPOLE ACQUISTARE?

La scelta, indipendentemente dal budget di spesa a disposizione, deve avvenire in base all’utilizzo e alle caratteristiche relative alla sicurezza e al confort.

La scelta della dimensione adeguata, deve essere fatta in considerazione del proprio peso corporeo sommato al peso dello zaino che si ha sulle spalle.

Se le ciaspolate in programma sono su facili itinerari, non sono necessarie ciaspole dotate di coltelli e con attacchi tipo quelli degli sci.

Per escursioni di un certo impegno, si consiglia il top di gamma che garantiscono un ottimo attacco dello scarpone alla ciaspola e una migliore tenuta sui traversi e neve dura.

Il colore è preferibile a tinte forti, facilmente identificabile sulla neve.

 

ACCESSORI E ABBIGLIAMENTO

Ovviamente i bastoncini da neve sono indispensabili per camminare con le ciaspole e l’abbigliamento  dovrà essere adeguato alla stagione invernale. Se non si indossano pantaloni d’alpinismo, sono consigliabili le ghette. Anche gli scarponi dovranno essere in materiale idrorepellente. Le semplici peduline da trekking non garantiscono tepore ai piedi!

Infine, un telo impermeabile potrà essere utile se il pasto al sacco verrà consumato out-door.

 

COME PROCEDERE

Per comodità di progressione, l’attacco posteriore non deve essere fisso.

Su pendii in salita, posizionare up l’alza tacco, abbassarlo in discesa.

Tenere fisso l’attacco posteriore quando si percorrono pendii in traverso.

 

SICUREZZA

Massima attenzione dopo una nevicata e con manto nevoso non consolidato. Una ciaspolata, anche lungo una strada che percorre vallate con pendii sovrastanti scoscesi, non è priva di pericoli.

Si ricorda che le ciaspole non sono adatte per lunghi percorsi su pendii ripidi, soprattutto in traverso. Nell’eventualità di dover attraversare un breve tratto ripido, è preferibile togliere le ciaspole.

Prestare attenzione che non si formi uno “zoccolo di neve” sotto la ciaspola.

Assolutamente non procedere in cordata: con le ciaspole non vi è nessuna possibilità di far sicurezza! Quindi evitare di avventurarsi su ghiacciaio.

 

A PROPOSITO DI VALANGHE

Il peso di un ciaspolatore sulla neve, provoca una sollecitazione al manto nevoso  più deleterio che il passaggio di diversi escursionisti con gli sci. (Il peso grava su una porzione molto limitata di superficie, imprimendo forze che raggiungono gli strati deboli, provocandone il collasso e quindi la valanga).

Quindi dotarsi di ARTVA, pala e sonda?

La risposta è si, con la raccomandazione di imparare bene l’utilizzo dell’apparecchio e le procedure per ricerca sommerso da valanga.

 

 

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Argomenti
Please reload

Post in evidenza
Post recenti

December 5, 2016

December 4, 2016

December 3, 2016

December 1, 2016

Please reload

Archivio articoli